Al fiume

Una lepre color fulvo-bruciato attraversa il sentiero davanti a noi, di corsa, però non troppo, si continua a vedere che entra ed esce dalla visuale, seminascosta dall’erba

ovviamente erba di un verde ramarro, foglie di acacie tenere e piccole illuminate da dietro, tutto trema e vibra di vento, le foglie degli alberi frusciano, uccelli cinguettano e cantano e sfrecciano per il cielo, rondini e un uccello con un’apertura alare che sembra gigantesca, e aironi bianchi in lontananza all’ansa del fiume, e su un albero alto tutto uno svolare di uccelli misteriosi dalle ali rosse, nidi, di sicuro

Per parecchi metri ci accompagnano rondini su in alto, sbattono le ali frenetiche lampeggiando bianche e nere, garriscono a tempo, sono tante, decine, noi persi in un grande campo con l’erba alta e due cagnoni da pastore enormi e arrabbiati ci inseguono inferociti da dietro il recinto, poi una cavalla dolce, mite, si avvicina fiduciosa alla rete, aspettando forse possibili carote o zollette di zucchero, ma noi, miserabili, siamo a mani vuote e la deludiamo – ci segue scrollando delicatamente il testone, è di un color cioccolata al latte, leggermente focata, uno che capisce di cavalli saprebbe di che colore sto parlando

Tanti cavalli, uno bianco, incredibile, altri di tutti i colori, uno nero tutto coperto da una coperta stracciata grigia, o forse era di un colore che negli anni è diventato grigio, mangia avidamente l’erba attorno a lui sul prato

Margherite, piscialetto, nontiscordardimé, e fiori rosa scuro, rosa canina rosa chiaro con bordi più scuri, arresa, spalancata in mezzo alle foglie, con quel suo cuore di filini gialli, acacie, sambuchi, e poi naturalmente il fiume.

È di un colore azzurro chiaro un po’ torbido, la giornata è estremamente limpida, bagnata di luce, azzurra e dorata, nuvole rade gettano un’ombra scura sui paesi sulle colline. Lo seguiamo in mezzo a canne e fango e erba. Gira, ci sono cascate, canne, alberi caduti nell’acqua. Il suono è cantante, sognante, una specie di cantastorie sempre presente in sottofondo. I campi intorno sono piatti, piatti, pieni di fiori che non si riusce mai a scoprire come si chiamano tutti. Fiori a stella, fiori a corolla, fiori azzurri, bianchi, gialli, rosa, fiori piccoli, fiori grandi, fiori verdi, soffioni.